Terrorismo, scoperto foreign fighter italiano in Sardegna

Remigio Civitarese
Settembre 16, 2018

L'irrefrenabile orgoglio sardo, quello che si nota sempre ai concerti e alle manifestazioni di piazza, questa volta ha consentito alla polizia di identificare un italiano che erano andato a combattere in Siria e anche due suoi amici. La polizia e la Digos di Nuoro lo hanno però fermato sequestrandogli il passaporto e facendo una serie di perquisizioni preventive. Degli altri due finiti al centro dell'inchiesta si sa solo che sono residenti a Cagliari e Nuoro: i loro nomi non sono stati divulgati, segno che gli accertamenti non sono ancora conclusi.

Le indagini sono partite dalla diffusione in rete di una foto in cui si vedono due miliziani, in tuta mimetica, uno armato di kalashnikov l'altro con il pugno sinistro alzato, dietro a due bandiere: una della Bretagna antifascista l'altra con il simbolo dei quattro mori della Sardegna. I due militanti ritratti nell'immagine sono un bretone morto in combattimento il 18 febbraio scorso e Caria. All'uomo viene contestato il 270 bis, l'associazione con finalità di terrorismo.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE