Google Pay sbarca in Italia: ecco come funziona

Rodiano Bonacci
Settembre 19, 2018

In questo modo, in caso di smarrimento dello smartphone o dello smartwatch non sarà necessario provvedere anche al blocco delle nostre carte.

Chiunque abbia uno smartphone o un altro dispositivo compatibile, dunque, può utilizzare Google Pay per i pagamenti offline e online: per iniziare, senza doversi guardare intorno, si può raggiungere il sito web dedicato e scaricare l'applicazione per Android.

Si scarica l'app di Google Pay sullo smartphone e si registrano le carte di debito, di credito o prepagate (Maestro, Mastercard o Visa). Devono essere emesse dalle banche supportate, ovvero Banca Mediolanum, Boon, Hype, N26, Revoult, Widiba e Nexi, che da solo porta in dote le sue 150 banche. Si può attivare Google Pay anche dall'app di mobile banking.

Google ha colmato il gap che la allontanava dagli altri concorrenti.

Dopo aver aggiunto la prima carta (ed effettuata la verifica), l'utente riceverà una mail da Google (la seconda immagine in galleria) che dà il benvenuto al sistema di pagamento.

Una volta scaricata l'app ufficiale (compatibile con Android 5 e superiori) potremo associare abbonamenti, carte fedeltà, biglietti aerei e, ovviamente, carte di credito e carte di debito.

Google ha specificato che i dati della propria carta non vengono memorizzati sullo smartphone né registrati durante le transazioni.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE