Pensioni, il piano della Lega

Cornelia Mascio
Settembre 22, 2018

Ce ne sono tre molto interessanti. E che consentirebbe a chi lo vuole di accedere anticipatamente alla pensione tramite il versamento volontario dei contributi.

Pensioni, Quota 100 a 62 anni (+38 di contributi), flat tax e poi. Sul tavolo la Lega porterà anche la richiesta di tagliare le accise sulla benzina e di partire subito con lo sblocco al 100% del turnover per le forze di polizia.

IL RICALCOLO CONTRIBUTIVO - Il ricalcolo dell'assegno oltre quota 4.500 euro mensili dipenderò dall'età in cui il pensionato si è ritirato dal lavoro, maggiormente colpito sarà chi è andato in pensione con forte anticipo rispetto al requisito di vecchiaia. "Sarà realizzabile in modo efficace e ragionevole spiega una nota della Lega - con oneri sopportabili per la finanza pubblica". Inoltre, "sarà realizzata con misure di buon senso, compresa la pace contributiva nell'ottica di favorire l'aumento volontario della contribuzione da parte dei lavoratori".

La prima prevede di alzare l 'asticella del minimo di contributi richiesto per quota 100. Non è un caso che lo studio su Quota 100 sia lungo e ampio.

Quota 100 e pensione di cittadinanza: i costi e i possibili beneficiari.

Ma stando a quanto riportano le ultime notizie, andare in pensione con la novità per le pensioni di quota 100 potrebbe comportare una riduzione dell'assegno finale di circa l'8%, circa 200 euro, e se un 30enne andando in pensione con l'attuale riforma pensioni percepirebbe un assegno di 1.305 euro, con la quota 100 prenderebbe 1.112 euro; mentre un 40enne andando in pensione con le attuali norme pensionistiche percepirebbe 1.308 euro, mentre con la quota 100 avrebbe 1.255 euro. "Qualunque sarà la soluzione, appare certo il varo di un canale parallelo di pensionamento attraverso i fondi di categoria frutto di accordi tra imprese e sindacati che, sulla scorta di modelli esistenti (credito, assicurazioni, trasporti, chimici) consenta il prepensionamento fino a 5 anni dei lavoratori in esubero". Il taglio è dunque modulato in modo tale da applicarsi alle sole quote retributive della pensione. La mossa di Salvini.

Con la legge Fornero viene abolita la "pensione di anzianità" (in base al numero di anni di lavoro) sostituita dalla "pensione anticipata": oggi bisogna aver lavorato 41 anni e 3 mesi per le donne o 42 anni e 3 mesi per gli uomini.

Tutti vogliono cancellare la Legge Fornero. Obiettivo: quota 100, permettendo così anche l'ingresso di tanti giovani nel mondo del lavoro.

Elsa Fornero non ci sta ad essere identificata come "nemica dei pensionati" e parte al contrattacco accusando Matteo Salvini di aver alimentato per anni una campagna di "personalizzazione" dello scontro politico incentrata sulla celebre e discussa legge di riforma delle pensioni varata all'epoca del governo tecnico presieduto dal senatore a vita Mario Monti.

Non solo reddito di cittadinanza e flat tax. "Tutti coloro che vivono sotto la soglia di povertà -ha sottolineato- dovranno arrivare a 780 euro". Ecco cosa ha dichiarato prima di tornare al vertice.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE