Pace fiscale non sarà un condono: no agli sconti sulle imposte

Cornelia Mascio
Ottobre 10, 2018

Lo ha dichiarato il deputato del M5S Giovanni Currò affermando che in tema di pace fiscale la posizione dei pentastellati è rigida e molto distante da quella della Lega, la cui proposta fin dall'inizio è quella di effettuare degli sconti sulle imposte.

"Non sarà rottamazione - ha spiegato Salvini, dai microfoni di Rtl 102.5 - ma pace fiscale e riguarda alcuni milioni di italiani che hanno fatto la dichiarazione dei redditi e poi magari gli è andata male e si portano dietro una cartella esattoriale che non riusciranno a pagare". Non sarà una "classica rottamazione ma un intervento a gamba tesa": l'obiettivo del Governo, stando alle parole del vicepremier e Ministro dell'Interno, non sarà quello di agevolare i furbetti ma di consentire agli italiani in difficoltà di dialogare col fisco, di mettersi in regola e di conseguenza porterà milioni di euro alle casse dello Stato.

Proviamo ora a fare un quadro della situazione e a vedere nel dettaglio le posizioni della Maggioranza in tema di pace fiscale e le novità che si intendono stabilire con l'entrata in vigore a partire dal 1° gennaio 2019.

Un condono fiscale, una "pace fiscale" che rischia di ottenere il risultato contrario a quello voluto dal governo. Se hai un debito 80mila euro non è che se te ne chiedo settanta rateizzati tu me li dai. Il recupero di gettito avverrà non prima del 2022 e soprattutto nel 2023, quando si esaurirà l'effetto sulla riduzione della riscossione ordinaria e quindi il gettito complessivo tornerà a salire toccando rispettivamente 3,7 e 3,5 miliardi. riproduzione riservata ®. Anche le condizioni di ripianamento dei debiti saranno più favorevoli di quelle disposte dalle rottamazioni dei governo Renzi e Gentiloni, perché il tasso di interesse per la rateizzazione sarà lo 0,3% anziché il 4,5%, e ci sarà l'estinzione delle procedure esecutive avviate prima dell'adesione alla definizione.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE