Sempre più giovani miopi, colpa di web e vita al chiuso

Modesto Morganelli
Ottobre 10, 2018

Preoccupante il forte aumento dei giovani miopi, sarebbero 15 milioni in Italia le persone affette dalle patologie miopiche. Solitamente il difetto si corregge con l'utilizzo di occhiali o lenti a contatto.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sono 253 milioni i disabili visivi nel mondo, di cui 217 milioni gli ipovedenti e 36 milioni i ciechi. Ma in molti casi, con qualche accorgimento, si potrebbe prevenire o ritardarne la progressione.LA GIORNATA MONDIALEÈ quanto spiegano gli esperti, in. Sintomi ricorrenti sono mal di testa, tendenza a strizzare gli occhi e fastidio di fronte a fonti di luce, contro cui però si potrebbe intervenire se si evitasse di passare, come sottolineano gli esperti, troppe ore al chiuso e di fronte allo schermo del cellulare o al monitor del pc. La ricerca australiana pubblicata su "Ophthalmology" ha studiato inoltre gli effetti che hanno sulla vista i dispositivi tecnologici che utilizziamo tutti i giorni e i videogiochi.

Studi condotti a livello europeo, dimostrano come a 9 anni la miopia colpisce già il 12% dei bambini, arriva al 18% a 15 anni e raggiunge il 24% tra gli adulti.

Intervistata da Valentina Dardari sul Giornale, Pertile suggerisce due consigli fondamentali per ridurre il rischio di miopia nei più piccoli: "far stare almeno un'ora al giorno i bimbi all'aria aperta, perché questo costringe l'occhio a utilizzare anche il campo visivo periferico, cosa molto importante, considerando che passano 6-8 ore al chiuso sui banchi di scuola". In secondo luogo, "utilizzare cellulari, pc e tablet, così come i libri, a distanza maggiore di 30 centimetri dagli occhi". Non è però solo la miopia che i genitori dovrebbero temere. "Altri traumi non poco frequenti - precisa l'esperta - sono le contusioni provocate da palline da tennis o palle di neve che possono provocare distorsione della retina o foro maculare".

Per incoraggiare la prevenzione e per avvicinare i bambini alla visita oculistica, in occasione della Giornata mondiale della vista, l'Agenzia internazionale per la prevenzione della Cecità-IAPB Italia onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (Soi), offrirà 15mila visite oculistiche a chi non ne ha mai fatta una e in molte città italiane la popolazione potrà usufruire di check-up gratuiti nelle Unità mobili oftalmiche.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE