Le animazioni di "Pixar" in mostra a Palazzo delle Esposizioni

Brunilde Fioravanti
Ottobre 12, 2018

La Pixar, nata nel lontano 1986 in California, ha innovato il mondo del cinema d'animazione trasformandolo per sempre grazie all'utilizzo dei digitale media.

La mostra sarà accompagnata da proiezioni e laboratori e sarà disponibile dal 9 ottobre 2018 al 20 gennaio 2019 - Palazzo delle Esposizioni, Via Nazionale 194 Roma. Il percorso è stato progettato da Fabio Fornasari, e accompagna il visitatore alla scoperta di questa realtà attraverso tre differenti punti di vista: personaggio, storia e mondo che sono gli elementi alla base di un film. "La mostra ripercorre la storia della Pixar dalla sua fondazione, insieme al lavoro di ricerca e la produzione di immagini digitali" commenta Maria Grazia Mattei, curatrice dell'edizione italiana. Perché in questo momento di transizione ci sembrava importante avere un esempio forte che rappresenta proprio quest'attenzione al fattore umano a quello che io chiamo 'umanesimo digitale' o meglio ancora nel caso della Pixar io parlo di bottega rinascimentale digitale.

La mostra, ha dichiarato Maria Grazia Mattei.

A partire dal primo lungometraggio realizzato dagli Studios, ovvero "Toy story", si effettua un percorso all'interno del quale si avrà modo di conoscere più da vicino personaggi come il pesce pappagallo Nemo, Mr. Incredibile e la sua famiglia di supereroi, Saetta McQueen, l'auto da corsa di "Cars", il tenero Carl Fredricksen e sua moglie Ellie, protagonisri del film "Up", il topolino Ratatouille con il suo sogno di diventare chef, Riley e le sue emozioni di "Inside out", l'aspirante musicista Coco, oltre ai particolari e curiosi personaggi protagonisti dei tanti cortometraggi. Stanze che si susseguono, popolate dalle storie dei più popolari e rinomati cartoon, per una mostra che vuole raccontare e mettere al centro dell'interesse l'uomo e i valori che vivono dietro al grande lavoro che rende possibili le produzioni.

La tappa romana si inserisce nel tour internazionale del progetto che, dopo il debutto al MOMA di New York nella sua prima edizione, dal Messico ha raggiunto l'Estremo Oriente e le maggiori capitali mondiali con grande successo di pubblico. In rassegna una attenta selezione di opere che mostrano lo spettacolare patrimonio artistico creato per ogni film, fatto di disegni a matita, dipinti in acrilico, acquerelli, dipinti digitali, calchi e modelli fatti a mano. Inoltre, per chi è appassionato di cinema, regia ed animazione, il ciclo di incontri A regola d'arte offrirà un interessante approfondimento sulle tecniche e sul lato estetico, culturale e scientifico dei film animati.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE