Barcone in panne: Malta, 'nessuna nave disponibile'

Remigio Civitarese
Ottobre 13, 2018

Il primo Sos era stato lanciato nella tarda serata di ieri dalla nave Mare Jonio impegnata nella Missione Mediterranea che segnalava un'imbarcazione in avaria con decine di migranti a bordo non lontano da Lampedusa. Sembra che in un primo momento la Guardia costiera avesse indicato di rivolgersi a Malta per le operazioni di soccorso, ma La Valletta avrebbe detto di non avere imbarcazioni disponibili per il salvataggio (LO SPECIALE MIGRANTI). Poi dopo qualche ora l'intervento della Guardia Costiera. Alla nave Mare Ionio, che ha contattato la centrale operativa della Guardia Costiera Italiana, è stata data indicazione di fare riferimento per le operazioni di soccorso a La Valletta, essendo Malta l'autorità coordinatrice e responsabile delle operazioni di ricerca e soccorso in quell'area.

La Mare Jonio si è immediatamente diretta verso il punto indicato dal Navtext e nel frattempo ha chiesto informazioni sullo stato delle operazioni, scoprendo che Malta - che aveva in carico il coordinamento- non aveva mezzi da inviare sul posto. Subito visitati sul molo dal dottore Pietro Bartolo - sono tutti in buone condizioni - sono poi stati accompagnati all'interno del centro di accoglienza hot spot dell'isola. I migranti sono sbarcati alle tre di notte sull'isola. A bordo c'erano due bambini, arrivati in buone condizioni con le rispettive madri, entrambe in giovane età.

L'imbarcazione utilizzata dai migranti era lunga circa otto metri, aveva il fondo quasi piatto e una bassa linea di galleggiamento; di costruzione egiziana, era un tipo di barca inadatta ad effettuare il percorso che va dalla Libia alle coste siciliane e troppo piccola per 70 persone. Il gommone ha quindi continuato a navigare autonomamente, giungendo fino a meno di tre miglia dal porto di Lampedusa, dove un mezzo della Guardia costiera italiana è intervenuto, portando in salvo i 70 migranti. Solo grazie alle buone condizioni del mare delle ultime 48 ore non si è verificata l'ennesima tragedia.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE