Julia Roberts: "Sono ferita delle critiche della gente sul mio aspetto"

Brunilde Fioravanti
Ottobre 14, 2018

La star ha ammesso la sua delusione di fronte ai tanti commenti negativi che ha ricevuto questa immagine, scattata nel corso di un weekend trascorso con la nipote.

Notorius Pictures ha diffuso online il trailer di Ben is Back, intensa ed emozionante pellicola in cui è sicuramente da segnalare la presenza del premio Oscar Julia Roberts, che torna così sul grande schermo in vista delle prossime festività natalizie. Si tratta di Julia Roberts, ancora tra le attrici hollywoodiane più conosciute e apprezzate al mondo. In una recente intervista, Julia Roberts ha speso qualche parola sull'accaduto, mostrandosi particolarmente dispiaciuta: "Sono sconvolta". Nello scatto le due giocano a carte, la star è struccata e indossa un'ampia camicia bianca. L'intervista è stata poi pubblicata integralmente sulla rivista Harper's Bazar. "Recentemente è accaduto qualcosa sul profilo Instagram di mia nipote Emma che mi ha fatto pensare molto su quello che vuol dire essere una teenager nella società contemporanea". "Alcuni giorni dopo ha condiviso una nostra foto e un gran numero di persone si sono sentite assolutamente in diritto di parlare di che aspetto terribile avessi nell'immagine, del fatto che non starei invecchiando bene, dire che ho l'aspetto di un uomo, e chiedendo perché avesse condiviso una foto come quella in cui ho quell'aspetto terribile!". Ho trovato triste che la gente non percepisse il significato, la dolcezza, l'assoluta gioia splendente di quella foto.

"Mi sono meravigliata di quello che ho provato - ha continuato la Roberts - Sono una donna di cinquanta anni e so chi sono, e tuttavia ho sofferto. Ho pensato 'E se avessi 15 anni?'". Ma ero anche felice che fosse successo, perché ho avuto un nuovo sguardo su un modo di vivere che non capisco affatto. "Bisogna passare attraverso le cose per capirle, e questo è stato solo un piccolo assaggio di ciò che può accadere sui social network".

E' vero, il tempo passa per tutti e anche se c'è chi sostiene che i 50 sono i nuovi 30, per fare il verso a Il Diavolo veste Prada, è innegabile che le differenze ci sono.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE