Manovra, Conte: fiducioso, ma lasciateci confrontare con Ue

Cornelia Mascio
Ottobre 18, 2018

"Dobbiamo trovarla assolutamente, se no non potremmo definire e poi deliberare tutti questi provvedimenti importanti, sia per quanto riguarda il decreto fiscale che il disegno di legge sul bilancio", rassicura da un palco non casuale, la Scuola di formazione politica del Carroccio a Milano.

"Sono fiducioso" su un possibile accordo sulla manovra economica che il governo si appresta a presentare. L'esecutivo è pronto a battersi affinché venga messa in atto già a partire dal prossimo anno e il Presidente del Consiglio ci tiene a sottolineare che non si tratta di una misura assistenzialista, come qualcuno intende sottolineare che si tratta di uno strumento dall'alto valore sociale e che può rappresentare una possibilità di sviluppo. "Intesa in questi termini sara' una riforma essenziale per la crescita". Ma "dobbiamo ancora confrontarci con i nostri interlocutori europei" e quindi "lasciateci il tempo di poterlo fare". Tanto che "al primo mio incontro con la Merkel chiesi subito di approfondire i diritti di recupero al lavoro e all'occupazione".

"Stiamo pensando a come modulare le offerte di lavoro sulla base della distribuzione geografica".

"Fino adesso questo non c'è ancora stato, perché con le istituzioni europee e con i nostri interlocutori europei non ci siamo ancora seduti ad un tavolo - ha aggiunto il premier -".

Il presidente del Consiglio ha risposto anche a domande sulla manovra. Così l'Ue vedrà che "l'Italia cambia marcia".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE