Oettinger: Ue respingerà manovra Italia. Poi precisa: solo correzioni

Cornelia Mascio
Ottobre 18, 2018

La commissione Ue è pronta a esprimersi sulla manovra del bilancio italiano: lo sostiene il commissario al Bilancio Ue, Guenther Oettinger, allo Spiegel online. La lettera del commissario agli Affari economici e monetari Pierre Moscovici verrà recapitata a Roma domani o venerdì, in occasione della sua missione in Italia. Lo stesso Oettinger, però, poco dopo ha rettificato tutto via Twitter dicendo che "è una mia opinione personale, che in base alle cifre è probabile che dovremo chiedere all'Italia di correggere il progetto di bilancio".

L'Italia, sottolinea Der Spiegel, ha fornito la documentazione a Bruxelles nella serata di lunedì, "all'ultimo minuto". Secondo il giornale tedesco, Moscovici non farà una controproposta ma si limiterà a rimandare alle violazioni dei dati di riferimento. La Commissione reagisce in modo particolarmente veloce: per la sua risposta avrebbe infatti avuto due settimane di tempo. Il commissario ha precisato di non aver detto "che c'è una decisione della Commissione in merito".

La reazione dell'Italia non si fa attendere.

"Come faceva il signor Palomar raccontato da Calvino, il quale se al terzo morso di lingua era ancora convinto della cosa che stava per dire, la diceva; se no stava zitto".

Intanto, entra nella discussione anche il presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani, che si augura un passo indietro del Governo giallo-verde, "nell'interesse degli italiani", perché il rischio che la manovra venga bocciata "è forte". "Oettinger e tutti gli altri commissari aprano le orecchie e ascoltino attentamente prima di sparare sentenze - afferma in un post su Facebook Luigi Di Maio - Un rifiuto a prescindere è intollerabile. Gli impegni saranno rispettati, ma non si può più morire di austerità". Conte confida "in un dialogo costruttivo" con le istituzioni Ue sulla manovra, "sicuramente avremo delle osservazioni, immagino critiche: ci confronteremo con esse".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE