Melbourne, l'Isis rivendica l'attacco - Ultima Ora

Remigio Civitarese
Novembre 9, 2018

L'Isis, tramite la sua agenzia Amaq, ha rivendicato l'attacco di oggi a Melbourne, in Australia. Secondo la polizia ci sarebbe un morto. In un primo tempo gli inquirenti avevano dichiarato che l'attentatore non aveva alcun legame noto con il terrorismo; successivamente, però, il capo della polizia dello Stato di Victoria, Graham Ashton, ha riferito che era noto alle autorità per via delle sue relazioni familiari e che risiedeva in Australia da decenni. Secondo altre versioni l'uomo ha lanciato la sua auto contro un centro commerciale e poi le ha dato fuoco.

L'assalitore ha poi accoltellato le prime persone che ha trovato nei pressi di un affollato centro direzionale.

Centinaia di agenti sono accorsi sul posto.

I media locali hanno diffuso le immagini che mostrano un uomo robusto che cercava di colpire con un coltello alcuni poliziotti, intervenuti per un'auto in fiamme.

Ignote le motivazioni del gesto. La polizia antiterrorismo è coinvolta ora nelle indagini anche se al momento non è chiaro se si sia trattato di un attacco terroristico. Gli agenti non starebbero dando la caccia ad altre persone. Un testimone oculare aveva raccontato che prima di essere ucciso dalla polizia l'aggressore aveva gradito "Allah Akbar" (Di è il più grande). "L'area è stata chiusa e le persone sono invitate a non avvicinarsi".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE