Midterm, Trump: repubblicani oltre le aspettative, collaborare coi Dem

Remigio Civitarese
Novembre 9, 2018

Un mercato azionario che aveva appena concluso un mese pessimo; una grandissima incertezza e ritrosia nel fare previsioni dopo le pessime figure delle presidenziali americane e del referendum sulla Brexit e infine il grande sforzo messo in atto dai democratici per recuperare dopo la batosta dell'elezione di Trump. Quindi, se da una parte c'è stata una riconquista della Camera dei Deputati da parte dei Democratici, dall'altra "l'asinello" ha dovuto cedere il passo "all'elefante" nel Senato, che rimane ancora strettamente saldo nelle mani dei Repubblicani. I Democratici hanno staccato i Repubblicani con un margine tra i più ampi nella storia, ma su scala nazionale quella che doveva essere - nelle loro intenzioni - "un'onda blu" si è rivelata alla fine una piccola increspatura. E presto potrebbe profilarsi il ritorno di Nancy Pelosi, ex speaker della Camera e democratica della California. In generale la reazione, sul breve, è una sorta di sospiro di sollievo a cui si accompagnano valutazioni di più ampio respiro.

Riggleman si è difeso dicendo che non conosceva affatto il termine "Bigfoot erotica" e che ha semplicemente scritto un volume destinato a chi crede in questo tipo di creature boschive. I Repubblicani sono stati in grado di vincere solamente in 4 di questi distretti. Rispetto a questo scenario base rimanevano in piedi due scenari "estremi" che vedevano i democratici conquistare anche il senato e i Repubblicani in tenuta anche sulla camera. Fin dal primo mattino lunghissime ovunque le file ai seggi, a dimostrazione che l'appello ad andare a votare, ossessivamente rivolto dall'una e dall'altra parte nel finale di campagna elettorale, è stato preso alla lettera.

Se la paralisi politica sembra effettivamente dietro l'angolo, bisogna comunque fare attenzione ai facili automatismi.

"Ci sono anche molti bambini e bambine che arrivano spaventati, che vogliono parlare per cercare di elaborare quello che gli è successo e gli sta succedendo durante l'esodo". "Vogliamo essere totalmente competitivi", ha sottolineato il presidente.

Nell'attesa di vedere quali sviluppi avrà la questione dell'impeachment, Donald Trump continua a ripetere di aver stravinto le elezioni di metà mandato e non perde occasione per attaccare i suoi oppositori: "A tutti gli esperti e alle teste parlanti che non ci riconoscono il giusto merito di aver vinto questa grande elezione di Midterm, ricordo solo due parole: FAKE NEWS!"

Trump dovrà poi con ogni probabilità difendersi dai numerosi comitati di indagine che i Democratici cercheranno di avviare per dare al Congresso la possibilità di indagare nei rapporti del presidente con la Russia, o sulle sue passate dichiarazioni dei redditi, mai rese pubbliche. Fino all'ostilità all'economia di mercato e agli accordi economici transnazionali dell'astro nascente Alexandria Ocasio-Cortez, latina 29enne del Bronx che ha stravinto con un programma improntato al socialismo stile Bernie Sanders, comprensivo di sanità e università gratuite per tutti. "Non era inaspettata ma mi sento molto bene", ha proseguito.

Il presidente Usa ha avuto anche un duro battibecco con il corrispondente della Cnn dalla Casa Bianca Jim Acosta.

Femminista, italo-americana e naturalmente ricchissima è il candidato ideale per sostituire Hillary Clinton nell'immaginario collettivo populista americano per incarnare, anche visivamente, l'ideale del "nemico", archetipo che era scomparso con la scomparsa dalla scena politica della Clinton, bistrattata dalla vittoria di Donald Trump nelle elezioni del 2016.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

PIÙ POPOLARE GrafFiotech

Segui i nostri GIORNALE