Emendamenti manovra: arriva la tassa sulla Coca Cola

Cornelia Mascio
Novembre 19, 2018

Il tema parecchio dibattuto fin dai tempi del governo Monti nel 2012, era quello di limitare il consumo del cibo spazzatura, come merendine, snack e bevande gassate zuccherate. E alcune sono davvero particolari, a partire dalla tassa sulle bevande zuccherate - come la Coca Cola - per coprire l'esclusione del regime Irap per le partita Iva fino a 100 mila euro. Moltissimi produttori hanno già deciso di diminuire la quantità di zucchero per rientrare nella fascia più bassa.

Intanto fa scattare i diretti interessati, raccolti dall'associazione confindustriale Assobibe che rappresenta le bevande analcoliche: "Questi prodotti sono già in sofferenza da anni". Madre e firmataria del provvedimento è Carla Ruocco del Movimento Cinque Stelle, ma l'emendamento è stato approvato e firmato anche da esponenti della Lega. La nuova imposta andrà a colpire tutte le aziende produttrice di bibite zuccherate, senza fare distinzione fra alcoliche o meno.

"Questo approccio, che penalizza i consumatori con prezzi più alti e facilita un'ulteriore contrazione con inevitabili riflessi su occupazione e investimenti, allontana da una idea di crescita". Ad annunciarlo è stato lo stesso ministro della Famiglia Lorenzo Fontana, che ha avuto modo di descrivere quelli che sono stati gli emendamenti depositati presso la commissione Bilancio della Camera dei Deputati.

La Lega ha presentato e poi ritirato un emendamento alla manovra che punta a riscrivere la web tax prevedendo un'aliquota al 6% sull'ammontare dei corrispettivi, al netto dell'Iva, delle transazioni digitali anziche' del 3% sul valore della singola transazione. La proposta, che ora dovrà passare all'esame della commissione Bilancio, prevede che vengano stanziati 750mila euro all'anno per tre anni (quindi il triennio 2019-2021) da ripartire a favore di progetti, selezionati sulla base di appositi bandi annuali del Ministero dei Beni culturali, prendendo le risorse dal fondo per l'attuazione del programma di governo.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE