Fattura elettronica: normativa e i passaggi verso l’obbligatorietà

Cornelia Mascio
Dicembre 6, 2018

Per le operazioni effettuate nei confronti dei soggetti esteri, operatori intracomunitari o extra UE, a partire dal 1° gennaio 2019 sarà in vigore l'obbligo di invio del cosiddetto esterometro, la comunicazione mensile delle fatture transfrontaliere.

Lo staff di Vip Computer si occupa di automazione del punto vendita, sia per il settore ristorazione, con sistemi che vanno dall'acquisizione ordini tramite palmari, alla stampa delle comande e relativa gestione del conto e della relativa fatturazione elettronica o scontrino fiscale, che per qualsiasi tipologia di attività commerciali. L'idea vincente sarà di uniformare in un unico processo digitale la documentazione in ingresso, in itinere e in uscita delle aziende, creando flussi di lavoro operativi, tracciabili e archiviabili. "Temiamo che questa situazione possa generare il caos".

Se da un lato è vero che andrà inizialmente sostenuto il costo per l'aggiornamento applicativo e per il servizio di conservazione sostitutiva, dall'altro si ridurranno drasticamente i costi accessori e si registrerà un notevole risparmio di tempo nel caricamento delle fatture e nella gestione delle relazioni con clienti e fornitori per le verifiche e la rettifica di eventuali errori.

L'inclusione dei condomìni nel regime di applicazione della fattura elettronica è stata specificata direttamente dalla nota dell'Agenzia delle Entrate provvedimento n. 89757/2018 e dalla circolare n. 8/E, che contengono le specifiche tecniche per l'emissione e la ricezione delle fatture elettroniche.

Il vecchio sistema cartaceo lascerà il posto a quello standardizzato che sfrutterà il sistema d'interscambio Sdl dell'Agenzia delle Entrate, che svolge la funzione di postino e snodo tra gli interessati.

Per prima cosa è utile ricordare che il condominio non è un soggetto titolare di partita IVA e non emette fattura. Durante l'incontro si è discusso dell'importante novità a cui tutte le imprese dovranno prestare attenzione, la fattura elettronica obbligatoria da gennaio prossimo. Ma come collegare gli altri documenti che non hanno l'obbligo dell'XML ma fanno parte del fascicolo?

Per ambedue i quesiti, l'Agenzia delle Entrate ha sottolineato che per quanto riguarda la fattura elettronica e il meccanismo di inversione contabile è necessario innanzitutto distinguere tra reverse charge interno e reverse charge esterno. Le imprese devono dunque innanzitutto definire i loro obiettivi per quanto concerne il livello di automazione che desiderano ottenere dai moduli software che governano questi processi.

In particolare si è chiesto se per le cessioni intracomunitarie per le quali il cedente nazionale soggetto Iva decida di emettere facoltativamente la fattura elettronica sussista comunque l'obbligo di presentazione dei modelli Intrastat.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE