Checco Zalone: Salvini e Di Maio si prendono in giro da soli

Brunilde Fioravanti
Dicembre 8, 2018

Checco Zalone sta per tornare al cinema con il suo nuovo film, il quinto della sua folgorante carriera, di cui dovrebbe curare anche la regia. Certo è che il protagonista di Cado dalle nubi, criticato fino a ieri da più parti perché interprete, nei suoi film, del classico 'italiano medio', abbastanza ignorante, razzista, egoista e orientato a votare a destra, stavolta ha deciso di lanciare una frecciata proprio nel campo dei populisti. In effetti dopo l'annuncio che il governo è a caccia di Navigator senza i quali non sarà possibile far partire il reddito di cittadinanza, il comico sembra non avere tutti i torti. Per questo, conclude Zalone, "non è più irriverente prendere per il c*lo Salvini o Di Maio, già si prendono per il c*lo da soli".

"Questa adesso è una società liquida! Già si prendono per il culo da soli" chiosa il 41enne. Checco Zalone ha curato in incognito la colonna sonora di Moschettieri del Re, il prossimo film di Giovanni Veronesi, nelle sale italiane dal 27 dicembre - storia crepuscolare e scassata dei quattro spadaccini strappati alla pensione - firmandola col suo vero nome, Luca Medici, "quasi musicista", come si definisce il comico. Mentre lui girava io componevo dei temi un po' dissonanti, glieli suonavo alla tastiera e lui: 'Bellissimo!

In attesa del suo prossimo film che racconterà di una storia di immigrazione "con tutta la cattiveria e il fascismo che c'è in giro", Checco Zalone torna al pianoforte e alla sua prima grande passione, la musica. "Bellissimo!". Pensavo mi prendesse per il culo".

Poi scherza sulle sue doti canore: "Ho mandato una canzone a Mina e. non ebbi risposta". Una canzone seria? "Si chiamava L'arteriosclerosi, era per Mina e Celentano. Il tema è bellissimo: loro inneggiano all'anzianità e all'arteriosclerosi perché grazie a questo vedono nell'altro una persona sempre diversa e quindi l'amore si rinnova ogni giorno. - spiega - Mina o non l'ha capita o non l'ha voluta".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE