Simone Inzaghi commenta così il pareggio contro il Chievo Verona

Paola Ditto
Dicembre 9, 2018

Sulla partita: "Nel secondo tempo abbiamo avuto una reazione d'orgoglio con il palo e le varie occasioni". Non per un gesto tecnico o per un addio, ma per un. abbraccio: al di là del risultato finale, Sergio Pellissier, valdostano doc, 39 anni spesi in gran parte sui campi di calcio, non potrà mai scordare la rete realizzata ieri allo stadio Bentegodi contro la Lazio. "Con un primo tempo così però non le vinci le partite". Per la prima volta non siamo al quarto posto. "Adesso avremo una settimana per riflettere e ripartire, ma intanto non siamo più quarti". Stesso modulo, 4-3-1-2, questo pomeriggio a Verona, ma soprattutto stessi uomini nello schieramento di partenza. Sono fiducioso, ma temo il Chievo perché ho visto la gara del San Paolo e ha pareggiato col Napoli con merito giocando con un grandissimo spirito.

Infine Inzaghi su Correa e Radu: "Come tutti, Correa nel primo tempo doveva fare meglio, nella ripresa si è mosso meglio. All'intervallo ho tolto Radu perché era ammonito, ma avrei voluto cambiarli tutti, avevo l'imbarazzo della scelta".

Sul possibile ritiro: "Adesso penseremo a tutto, analizzando insieme alla società". L'impegno col l'Apollon Limassol, aggiunge Inzaghi a Formello, "aveva poco da dire, all'Europa League torneremo a pensare a febbraio, ora dobbiamo dedicarci al campionato".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE