Padova, 19enne ricoverata per meningite: allarme contagio nelle aule studio dell’Università

Modesto Morganelli
Gennaio 9, 2019

Nel primo caso, una studentessa 19enne di Lagnasco, iscritta all'Università di Padova, è stata ricoverata in terapia intensiva all'ospedale Sant'Antonio di Padova. La giovane - secondo Ansa - non sarebbe in pericolo di vita e le sue condizioni sarebbero in lento miglioramento. Per sapere quale ceppo abbia causato la malattia bisognerà attendere qualche giorno, fa sapere l'Ulss 6 del Veneto. Dopo essere stata trasferita in ospedale lo scorso 6 gennaio ed essere stata sottoposta a tutte le analisi del caso, i medici le hanno diagnosticato la meningite da meningococco.

Sono stati sottoposti a profilassi anche il personale dell'ambulanza che l'ha trasportata in Ospedale e gli operatori del Pronto Soccorso che l'ha presa in cura. Nessuna profilassi, invece, all'università, dove le lezioni sono sospese per le vacanze.

La ragazza ha detto di aver trascorso la notte di Capodanno a Venezia a casa di amici, di aver frequentato due aule studio universitarie di Padova dal 2 al 4 gennaio e la biblioteca del centro culturale San Gaetano, sempre a Padova, il 4 e il 5 gennaio. I contatti delle aule studio non sono considerati stretti (per molto tempo in ambienti piccoli e chiusi come familiari, compagni di stanza) e non necessitano di profilassi; tuttavia si ritiene opportuno informare l'utenza allo scopo di una sorveglianza sanitaria come previsto dalle Linee guida Ministeriali.

Non essendo possibile rintracciare tutte le persone che le hanno frequentate, sono stati informati i responsabili ed è stata preparata una lettera da esporre in pubblico in modo da informare gli interessati; il Servizio di Igiene Pubblica della sede di Via Ospedale 22 a Padova è disponibile per informazioni e per l'eventuale profilassi per i contatti stretti, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 13.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE