Rapita la moglie di un milionario in Norvegia, riscatto in criptovaluta

Remigio Civitarese
Gennaio 11, 2019

"Sono state proferite minacce ed è stata fatta una domanda di riscatto", ha fatto sapere oggi il portavoce della polizia Tommy Broske.

È sparita lo scorso 31 ottobre, ma solo oggi la polizia ha diffuso la notizia: Anne-Elisabeth Falkevik Hagen, moglie di uno degli uomini più ricchi della Norvegia, è stata rapita. Le tracce della donna si perdono nella casa della coppia, a circa 50 chilometri dal confine con la Svezia. Si tratta di un rapimento: i sequestratori hanno contattato i familiari chiedendo per il rilascio della prigioniera un riscatto di 9 milioni di euro da pagare in "Monero", una criptovaluta. A renderlo noto è stata la polizia del Paese scandinavo che, dopo due mesi di silenzio, ieri ha convocato una conferenza stampa per tentare di smuovere le acque.

Si è scelto di non dire nulla per tanto tempo perché i rapitori avevano minacciato i parenti di uccidere la vittima del sequestro, in caso di intervento delle forze dell'ordine o di fuga di notizie dalla stampa.

La polizia sta indagando dal giorno della scomparsa, ma ha reso pubblico che pensa sia stato un rapimento solamente ora, per incoraggiare chi dovesse avere informazioni a fornirle.

Nel frattempo gli specialisti hanno setacciato l'abitazione alla ricerca di prove e tracce di Dna [VIDEO]. Tom Hagen, marito della prigioniera, è il 172esimo cittadino più ricco della Norvegia: vanta un patrimonio di 1,7 miliardi di corone (174 milioni di euro) e ha costruito la sua fortuna nel campo dell'energia (possiede il 70% della compagnia elettrica Elkraft che ha co-fondato nel 1992) e nel settore immobiliare. Secondo ha scritto questa mattina l'Aftenposten, la donna sarebbe stata rapita mentre si trovava nel bagno della sua casa.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE