Simona Ventura, ecco il nuovo fidanzato: parla Bettarini

Brunilde Fioravanti
Gennaio 11, 2019

È la richiesta avanzata, tramite il legale Alessandra Calabrò, da Niccolò Bettarini, 19enne figlio di Simona Ventura e dell'ex calciatore Stefano, ai quattro imputati per tentato omicidio nel processo abbreviato e relativo all'aggressione subita il primo luglio fuori dalla discoteca "Old fashion" di Milano.

Ci aveva pensato però Gabriele Parpiglia a dare l'anticipazione sul suo profilo Instagram asserendo che Simona Ventura e Giovanni Terzi dopo anni di amicizia avevano deciso di frequentarsi anche se da pochissimo tempo.

Il giovane, figlio di Stefano Bettarini e Simona Ventura, si è anche associato alle richieste di condanna del pm Elio Ramondini a 10 anni di carcere per i quattro ragazzi, accusati di tentato omicidio. "Noi chiediamo solo che agli aggressori vengano date pene giuste, commisurate con la gravità dell'azione che hanno commesso". "Di quella notte ho sicuramente dei ricordi negativi - ha raccontato Bettarini jr - ma mi ha fatto capire anche tante cose".

Le difese hanno chiesto al gup Guido Salvini di riqualificare il reato. "Nelle prime udienze - ha detto il ventenne stamattina parlando con i giornalisti- ho provato molto odio, molto rancore, poi piano piano certe cose le metabolizzi in maniera diversa. Stiamo a vedere come questa storia si svilupperà, intanto è molto bella e promettente", ha detto.

Secondo la ricostruzione del pubblico ministero, Davide Caddeo, il 29enne accusato di aver sferrato le otto coltellate, difeso dal legale Robert Ranieli, Alessandro Ferzoco (difeso da Mirko Perlino), Andi Arapi e Albano Jakej (con il legale Daniele Barelli), volevano uccidere e sapevano che quel pestaggio e quei fendenti in "parti vitali" con una lama da 20 centimetri "avrebbero potuto produrre conseguenze mortali". La sentenza, infatti, non arriverà oggi ma nei prossimi giorni (si tornerà in aula il 18 gennaio).

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE