Tennis sotto shock, Murray in lacrime: "Basta, mi ritiro, ho troppi dolori"

Paola Ditto
Gennaio 11, 2019

È un Andy Murray visibilmente affranto quello che in conferenza stampa in vista degli Australian Open ha annunciato la fine della propria carriera. Murray ha detto che si augura di riuscire a giocare fino il torneo di Wimbledon, che si tiene a Londra dall'1 al 14 luglio, ma che già l'Australian Open potrebbero essere il suo ultimo torneo professionistico.

Il due volte vincitore di Wimbledon ha proseguito: "Ci sono piccoli gesti quotidiani che ho difficoltà a fare, questo è il motivo principale per il quale devo smettere di giocare e scegliere qualcosa che mi permetta di avere una migliore qualità della vita".

Il 31 di Dunblane è tormentato da circa venti mesi, l'operazione di un anno fa non è bastata a risolvere il problema. Scenderà in campo in Australia e ha comunque confermato che giocherà nel primo turno contro lo spagnolo Roberto Bautista Agut.

"Non riesco più a giocare, il dolore all'anca non mi da pace". Kevin Anderson ad esempio ha dedicato un post ad Andy Murray: "spero di vederti lottare ancora". "Durante l'off-season a dicembre ho parlato con il mio team e ho detto che non potevo continuare ad andare avanti così, che avevo bisogno di mettere un punto perché non potevo continuare senza avere alcuna idea su quando il dolore sarebbe cessato".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE