Morto il medico malato che mobilitò il web

Remigio Civitarese
Febbraio 12, 2019

Aveva fatto un appello per raccogliere la somma necessaria per andare negli Stati Uniti e sottoporsi a una cura sperimentale, con buone probabilità di successo. Una lezione di coraggio, tenacia e generosità, questa, che Lorenzo ha lasciato a tutti prima di andarsene, e di cui ora si dovrà far tesoro. Una malattia che, come ha raccontato nel videomessaggio, gli ha stravolto la vita: "Ha preso quello che avevo e lo ha spazzato via, del tutto". Ma lui, purtroppo, non ce l'ha fatta. "Non è finita finché non è finita".

A lanciare la raccolta fondi sulla piattaforma gofundme.com erano stati i familiari di Farinelli, insieme alla sua compagna e ai suoi amici.

In appena quattro giorni dal lancio della campagna di crowdfunding a suo favore, #salviamoLo, era stato raggiunto e abbondantemente superato l'obiettivo dei 500mila euro.

Un esempio per gli anconetani e per tutti gli italiani perché ha dimostrato a tutti che quando le persone si uniscono per una battaglia comune, si vince in ogni caso. Un male improvviso che "pian pianino" aveva portato il 34enne "a perdere l'autonomia, l'uso delle gambe parzialmente, la capacità di andare in bagno da solo". Sottoporsi alla stessa terapia in Italia, a Milano, avrebbe infatti richiesto più tempo, e di tempo non ce n'era. Un messaggio che è stato rilanciato anche sulle pagine social di molti vip e ha provocato una vera mobilitazione. Avevano donato i suoi ex compagni di scuola, associazioni e gruppi, gli incassi di tornei di calcetto e di un presepio vivente, gli appassionati del Montelago Celtic Festival. Lorenzo si è spento a casa sua, in mattinata era stato dimesso dall'ospedale dopo che era stata interrotta la chemioterapia in preparazione del viaggio negli Usa. "Potete darmi una mano? Non sarà facile ma non mi arrendo", aveva detto.

E' stata una straordinaria corsa contro il tempo: in pochi giorni la somma necessaria era stata raggiunta, con la promessa che se non fosse servita sarebbe stata destinata alla ricerca scientifica.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE