Formula 1 sotto choc: è morto Charlie Whiting

Paola Ditto
Marzo 14, 2019

Lewis Hamilton ha pubblicato una foto su Instagram che lo ritrae assieme a Whiting.

La FIA ha emesso il seguente comunicato: "Il direttore FIA della F1, Charlie Whiting, è purtroppo scomparso questa mattina (14 marzo 2019) a Melbourne, all'età di 66 anni, a causa di un'embolia polmonare, tre giorni prima del GP Australia che aprirà la stagione di F1". Sua, poi, era la conduzione delle riunioni tecniche coi piloti.

L'improvvisa scomparsa di Charlie Whiting ha costretto il collegio dei commissari di gara a trovare rapidamente un sostituto. "La Formula 1 ha perso un amico leale e un ambasciatore carismatico", ha detto Todt. "Tutti i miei pensieri, quelli della Fia e dell'intera comunità degli sport motoristici sono vicini alla sua famiglia, ai suoi amici e agli amanti della Formula 1".

Formula1,Charlie Whiting è morto: era lo storico direttore di gara dei GP
Formula 1: sarà Masi a sostituire Whiting nel GP Australia

E in mancanza di un "delfino" che era stato cresciuto da Charlie, la FIA avrebbe deciso di dare fiducia a Michael Masi, il direttore di gara di Melbourne che fa parte della Federazione Australiana e si è occupato di V8 Supercars.

Ross Brawn, Managing Director F1: "Conoscevo Charlie da quando ho cominciato la mia carriera qui". Commosse le reazioni nel paddock. Valtteri Bottas (Mercedes): "Triste e surreale iniziare il campionato così, è incredibile". E' un'icona del mondo dello sport e ha dato un grande contributo.

Masi, 39 anni, aveva già lavorato a fianco di Whiting in varie occasioni - ispezione piste, briefing, postazione di controllo gara - ed era già fra i candidati a sostituire lo storico direttore di gara in un futuro che non ci si aspettava così prossimo. Christian Horner (Red Bull): "Profonda tristezza, Charlie giocava un ruolo chiave del nostro sport, era arbitro e uomo di integrità, che applicava le regole restando equilibrato, pur essendo in una posizione delicata".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE