Rita Pavone, Greta? Mi scuso tanto, non sapevo fosse malata

Brunilde Fioravanti
Marzo 15, 2019

Non direi mai una cosa cosi' e trovo cattivo e orrendo che la gente aspetti un qualsiasi errore che tu fai nella vita per azzannarti come se fossero lupi.

Le vittime dei cattivisti sono sempre quelle persone che, con la loro fatica e il loro impegno, schiaffano in faccia una profonda verità a chi non si alza dalla poltrona: che pensare solo a sé stessi, e al proprio oggi, non è un obbligo, ma una scelta.

Rita Pavone travolta dalle polemiche per questo tweet su Greta Thunberg: "Quella "bimba" con le treccine che lotta per il cambio climatico, non so perché ma mi mette a disagio Sembra un personaggio da film horror.". Ma Rita Pavone - e molti altri come lei - preferisce sghignazzare invece che ascoltare, ed è strano per una donna di spettacolo come lei che ha portato sullo schermo il personaggio memorabile di un libro, quel Gianburrasca che fa dell'anticonformismo e della voglia di spezzare le regole, la sua ragion d'essere. Non pensavo di creare questo scompiglio, se qualcuno ha detto una battuta in più non l'ho detta io. Ma chi è subito accorso in aiuto dell'ex cantante che discetta su migranti, terroristi e destini dell'Italia? Io ho un labbro inferiore per cui devo dire grazie (croce e delizia) a mia nonna. Ci tengo che tutti lo sappiano: io invecchio di brutto da parte mia e ne vado fiera. Non ho mai fatto un intervento, anche perché altrimenti sarei una cretina se il risultato è quello che ho. Non c'è abbastanza tempo per poter aspettare che noi si diventi adulti con il potere di agire. Ancora una volta Greta si mostra molto critica nei confronti dell'attuale classe politica globale.

Nella fattispecie il senatore Alberto Bagnai che ha commentato: "Lo è". Il grande successo non ferma la battaglia di Greta: "Continuerò finché le emissioni di gas serra non inizieranno a scendere così rapidamente da limitare il riscaldamento del Pianeta al di sotto di 1,5 gradi".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE