Rugby, Sei Nazioni 2019: formazione e convocati dell'Italia contro la Francia

Paola Ditto
Marzo 15, 2019

E' questo, chiudere all'ultimo posto e con zero punti in classifica, il concreto rischio che corrono gli azzurri del rugby che sabato a Roma, con inizio alle 13.30, affronteranno la Francia nell'ultimo turno del Sei Nazioni. Confermato il reparto dei trequarti con l'unica variante rispetto all'ultimo match di Twickenham rappresentata da Marco Zanon, all'esordio assoluto con la maglia dell'Italia, che affiancherà al centro il compagno di reparto e di club Luca Morisi. Il 16 marzo alle 13.30, all'Olimpico di Roma, va in scena il quarantaduesimo atto di una rivalita' che affonda le proprie radici nel 1935, a Roma, quando i 'galletti' furono la prima delle Federazioni dell'allora Cinque Nazioni a sostenere un test-match contro gli Azzurri, proprio a Roma: e' l'ultima giornata del Guinness Sei Nazioni 2019, e' la centesima partita dell'Italia nel Torneo, e' il test-match numero cinquecento della Nazionale Italiana Rugby, un traguardo che in novant'anni di storia ha visto 685 atleti indossare la maglia dell'Italia. Assente Dean Budd, non al meglio e tenuto a riposo a causa di una botta ricevuta al costato. In prima linea Tiziano Pasquali scenderà in campo per la prima volta da titolare al Sei Nazioni con la conferma di Andrea Lovotti e il ritorno di Leonardo Ghiraldini. "Giocheremo contro una squadra molto forte - dice O'Shea -". Sicuramente in Francia la pressione è diversa, ma noi abbiamo la stessa voglia di vincere e vogliamo chiudere il torneo nel migliore dei modi. "Il focus sara' incentrato su noi stessi".

Anche l'ex tecnico azzurro Jacques Brunel, attuale guida della Francia, ha ufficializzato la formazione per sabato, in cui torna quel Wesley Fofana che ha saltato contro Inghilterra, Scozia e Irlanda per infortunio.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE