Emergenza per il muro, Trump mette il veto

Remigio Civitarese
Marzo 17, 2019

DI fatto è in atto un'emergenza nazionale e una tremenda crisi.

La dichiarazione dello stato di emergenza fatta da Trump era stata una decisione molto controversa e criticata, che aveva rappresentato l'ultimo sviluppo di un conflitto politico tra Repubblicani e Democratici che andava avanti da settimane e che aveva già provocato il più lungo shutdown - una chiusura parziale delle attività pubbliche - nella storia del paese, durato 35 giorni.

Donald Trump ha posto il primo veto della sua presidenza ad un provvedimento del Congresso: si tratta della risoluzione, approvata anche con l'appoggio di alcuni repubblicani, per annullare la sua dichiarazione di emergenza nazionale al confine col Messico ed ottenere i fondi del muro bypassando Capitol Hill. Ma i suoi sforzi sono caduti nel vuoto, indicando anche spaccature all'interno del partito repubblicano, finora compatto in Senato sotto la guida del leader Mitch McConnell. Per Trump si intravedono quindi nuove battaglie legali. Ora il testo dovrà tornare al Congresso, che potrà superare il veto di Trump con una maggioranza dei due terzi in entrambe le Camera, scenario che difficilmente si realizzerà.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE