Google pubblicità, annunci ingannevoli o pericolosi: record nel 2018

Rodiano Bonacci
Marzo 17, 2019

"Nel 2018, abbiamo rimosso gli annunci da 1,2 milioni di pagine, oltre 22.000 app e quasi 15.000 siti nella nostra rete pubblicitaria per violazioni delle norme sui contenuti, perché non pertinenti, che aizzavano all'odio o perché giudicati di scarsa qualità". E' quanto emerge dal Trust and Safety Ads Report 2018 diffuso da Google.

Tra questi, Google segnala di aver rimosso quasi 207.000 annunci per la rivendita di biglietti e più di 531.000 annunci relativi a "bail bond" (annunci di prestiti per cauzioni).

Nel rapporto, Google spiega anche di aver sventato una grande operazione di frode pubblicitaria in collaborazione con Fbi e la società di cybersecurity White Ops.

"Per Google è di fondamentale importanza che l'ecosistema pubblicitario digitale resti sostenibile e in buona salute - è un obiettivo a cui lavoriamo da quasi 20 anni - dice Scott Spencer, Director of Sustainable Ads, Google - Ogni giorno investiamo molte ore di lavoro dei team e molte risorse tecnologiche per proteggere gli utenti, gli inserzionisti e i publisher che rendono Internet uno strumento così utile". Con il nome in codice '3ve', l'operazione usava tattiche sofisticate per sfruttare data center, pc infettati, domini fraudolenti e siti falsi. Sono state denunciate otto persone per reati che includevano il furto di identità aggravato e il riciclaggio di denaro.

Gli sforzi della società hanno riguardato anche il perseguimento di inserzionisti che non rispettano le regole con gli standard, eliminando quasi "un milione di conti che hanno promosso questo tipo di pubblicità, quasi il doppio di quelli eliminati nel 2017". "In totale, nel corso dell'anno abbiamo introdotto 31 nuove policy pubblicitarie per contrastare abusi in aree quali il supporto tecnico di terze parti, i rivenditori di biglietti online, le criptovalute e alcuni servizi locali, le cauzioni e le strutture di riabilitazione per le dipendenze", ha spiegato Howe. "Siamo riusciti a farlo grazie a una combinazione di revisioni manuali e di machine learning". Anche per effetto di queste novità si è arrivati al blocco di 2.3 miliardi di banner, ovvero più di 6 milioni ogni giorno, che rappresentano però un calo del 28% rispetto agli interventi del 2017. Più in dettaglio, Spencer riferisce che siono stati rimossi da Google gli annunci da quasi 74.000 pagine per aver violato le policy sui contenuti pericolosi o dispregiativi e abbiamo rimosso circa 190.000 annunci per lo stesso motivo.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE