Riserve su ipotesi di riforma delle tasse in Italia

Cornelia Mascio
Aprile 14, 2019

(Teleborsa) - Ridurre il debito con un occhio verso le banche troppo esposte al debito sovrano e misure credibili per non rallentare la crescita. Misure che permettano al Governo di mantenere le promesse. Christine Lagarde, direttrice del Fondo monetario internazionale, non ha nascosto i suoi dubbi sulla nuova estensione concessa al Regno Unito. "Bisogna fare di più - ha aggiunto - ma c'è stato un calo reale" dei prestiti non performanti.

Aprendo lo sguardo all' economia globale, l'ex ministro francese delle Finanze sottolinea come "dopo due anni di forte espansione, sia entrata in una fase delicata e di grande incertezza". Occorre poi aggiornare le strutture multilaterali "fornendo un campo di gioco equo" per tutti.

I rischi legati alle politiche commerciali aggressive Nella sua Global Policy Agenda, intitolata "Responsabilità comuni, ricompense condivise", Lagarde ha chiesto ai Paesi di sviluppare economie "più resilienti e inclusive". Se "un anno fa parlavamo di una crescita sincronizzata per il 75% dei paesi - afferma Lagarde - oggi parliamo di rallentamento sincronizzato per il 70% dei paesi". Se quelle adottate dal governo gialloverde lo saranno, "crediamo che non avranno un impatto negativo sulla crescita, ma è necessario non fare passi indietro sulle riforme strutturali".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE