Sbarcati i migranti della Alan Kurdi

Remigio Civitarese
Aprile 15, 2019

I naufraghi non resteranno a Malta, ma saranno distribuiti tra Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo.

Mimmo Lucano, nuova inchiesta per truffa e falso.

E' arrivata al poco invidiabile traguardo di una settimana l'odissea della alan Kurdi, la nave della ong tedesca Sea Eye con 64 migranti a bordo. L'ennesima intessuta sull'onda dell'emergenza, mentre continua ad essere quanto mai lontana una soluzione strutturale per una gestione comune degli sbarchi, che Bruxelles continua a chiedere invano agli Stati europei.

Lampedusa, sbarcano 70 migranti. Dopo trattative tra Berlino e Malta, la situazione ha avuto un esito. "Ancora una volta - hanno fatto sapere dal governo del premier Joseph Muscat - ci hanno messo sotto una pressione non necessaria. Non possiamo continuare a sostenere questo fardello".

Muscat ha sottolineato che potrebbe accettare le richieste delle Ong che chiedono a Malta l'ingresso delle loro navi, aggiungendo di non poter permettere a nessuno di provare e dipingere la nazione come "senza cuore" o di far sembrare che il problema sia Malta.

Per il ministro, avrebbe dovuto essere Berlino a prendersi i migranti, vista la nazionalità dell'ong. Avvicinatosi in maniera non regolare alle coste italiane - donne e bambini sono state invitate a scendere, rifiutando per non abbandonare i loro mariti. Altri migranti salvati in mare erano in condizioni precarie di salute e temevano la successiva ondata di maltempo che avrebbe agitato le acque e avrebbe causato altri malori a bordo. Per l'Europa, un nuovo capitolo in un copione sempre uguale a sé stesso, che non sembra spostare di una virgola le volontà politiche del Vecchio Continente.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE