Medjugorje, via libera del Vaticano per i pellegrinaggi

Remigio Civitarese
Mag 15, 2019

Sia quella nomina che il via libera ai pellegrinaggi non entrano, dunque, nelle questioni dottrinali relative all'autenticità del racconto dei sei veggenti che affermano di vedere la Madonna dal 1981. "Henryk Hoser, Visitatore Apostolico a carattere speciale per la parrocchia di Medjugorje e dalla Nunziatura Apostolica a Sarajevo, il Santo Padre ha disposto che sia possibile organizzare i pellegrinaggi a Medjugorje". Il visitatore apostolico, ha concluso, "avrà, in tal modo, maggiore facilità a stabilire - d'intesa con gli ordinari dei luoghi - rapporti con i sacerdoti incaricati di organizzare pellegrinaggi a Medjugorje, come persone sicure e ben preparate, offrendo loro informazioni e indicazioni per poter condurre fruttuosamente tali pellegrinaggi".

Secondo Gisotti, "va evitato dunque che tali pellegrinaggi creino confusione o ambiguità sotto l'aspetto dottrinale. Ciò riguarda anche i pastori di ogni ordine e grado che intendano recarsi a Medjugorje e lì celebrare o concelebrare anche in modo solenne".

♦ Per comprendere le ragioni e il significato profondo della decisione di autorizzare i pellegrinaggi a Medjugorje da parte di Francesco è utile rileggere alcuni passi dell'esortazione apostolica Evangelii gaudium, il documento che traccia la rotta del suo pontificato.

Analisti ritengono che Francesco non ami troppo la figura dei veggenti, che continuano ad organizzare incontri spirituali con i fedeli, ma la relazione da lui richiesta sarebbe propensa a riconoscere i primi miracoli.

Nella prefazione a quel libro, il teologo argentino Carlos María Galli aveva scritto: "Per Francesco la cosa più importante è la fede mariana del 'santo popolo fedele di Dio', che ci insegna ad amare Maria oltre la riflessione teologica".

♥ È un dato di fatto che milioni di pellegrini in questi anni abbiano vissuto una significativa esperienza di fede recandosi a Medjugorje: lo attestano le lunghe file ai confessionali e le adorazioni eucaristiche serali nella grande chiesa parrocchiale senza un metro quadrato libero da fedeli inginocchiati.

"L'attenzione è partita anche relativamente al numero di fedeli che, ogni anno, cresce sempre di più a Medjugorje e anche dagli abbondanti frutti di grazie che ve ne sono scaturiti". Non si può negare.

D'ora in poi i pellegrinaggi a Medjugorje potranno essere ufficialmente organizzati dalle diocesi e dalle parrocchie. Aveva ribadito la contrarietà alle manifestazioni dei veggenti: "Mi dà fastidio quando arrivano con i messaggi. C'è gente che si converte", aveva detto il Papa, ricorda oggi il direttore editoriale del dicastero per la comunicazione Andrea Tornirlli, dialogando nel 2013 con padre Alexandre Awi Mello mariologo e oggi segretario del Dicastero per i Laici, la Famiglia e la Vita.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE