WhatsApp, uno spyware infetta il telefono e permette di spiare i dati

Rodiano Bonacci
Mag 15, 2019

Il team di ricercatori di Google Project Zero ha scoperto una vulnerabilità nella funzione delle videochiamate che consentiva ad un ipotetico hacker di assumere il controllo dell'app alla sola risposta ad una videochiamata da parte dell'utente. In questo senso, si può parlare di Pegasus come di un servizio più che di un software, e per questi motivi è difficile risalire alla sua data di nascita con precisione, ma la sua scoperta risale al 2016, in un caso molto simile a quello di queste ore: un attacco fallito nei confronti dell'iPhone di un attivista degli Emirati Arabi Uniti.

Secondo un rapporto del Financial Times, un attacco cracker messo in atto dalla società di sicurezza israeliana NSO Group permette di installare un software di sorveglianza sui dispositivi Android e iOS tramite una vulnerabilità di WhatsApp.

Il consiglio, dunque, è quello di correre subito ad aggiornare WhatsApp. Abbiamo contattato diverse organizzazioni che difendono i diritti umani per condividere le informazioni in nostro possesso e siamo impegnati con loro per metterne al corrente la società civile.

L'app ha invitato tutti gli utenti ad "aggiornare l'applicazione nella sua ultima versione", mantenendo sempre aggiornato il sistema operativo, per proteggersi da ogni attacco, specificando però che gli hacker non hanno colpito su larga scala, ma solamente un numero selezionato di vittime, scelte "specificatamente", anche se non è ancora stato possibile stabilire quante siano state. Il problema di sicurezza individuato in WhatsApp è estremamente critico ed è oggi davvero difficile fare una stima degli individui che possono essere stati bersaglio di attacco. Un portavoce di WhatsApp ha parlato di "una società privata nota per lavorare con i governi per fornire spyware che hanno la capacità di controllare i sistemi operativi dei telefoni cellulari". In compenso, ieri ha rilasciato un aggiornamento rivolto a tutto il miliardo e mezzo di suoi utenti.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE