Il Salvator Mundi forse su un mega-yacht

Brunilde Fioravanti
Giugno 14, 2019

Del Salvator Mundi di Leonardo da Vinci, ritenuto essere il quadro più costoso della storia, non si sapeva più nulla dal 2017. Un mistero, quello sulla sua attuale collocazione, che nei mesi non è stato possibile dirimere. Il Salvator Mundi è stato chiesto in prestito dal Louvre per essere esposto in una mostra che avrà luogo il prossimo autunno. Secondo il sito ArtNet.com, che cita due fonti non identificate "coinvolte nella transazione", il dipinto, attributo con molti dubbi a Leonardo Da Vinci, è approdato sul panfilo "Serene" di proprietà del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Sicuramente vi sono numerosi segni rivelatori della spinta che lArabia Saudita sta portando avanti nel mondo dellarte: secondo ArtNet il Paese sta investendo anche nellacquisto degli Specchi della famosa artista giapponese Yayoi Kusama e nelle opere di artisti come Geoge Condo, Richard Prince o Richard Serra, per non parlare del notevole investimento che pare sia stato effettuato per l acquisto di alcuni bronzi dello scultore orafo italiano Arnaldo Pomodoro. L'identità dell'acquirente è rimasta sconosciuta fino a quando il New York Times non ha rivelato che la persona in questione era un membro poco noto della famiglia reale saudita: il principe Bader bin Abdullah bin Mohammed bin Farhan al-Saud.

L'opera, sempre secondo la testata web, rimarrebbe all'interno dell'imbarcazione di lusso saudita fino alla creazione di un centro culturale e artistico nella regione di Al-Ula, annunciato a dicembre. Il progetto tuttavia sarebbe ancora in una fase "esplorativa".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE