Sicurezza: Salvini, 'Fico e M5S bloccano emendamenti per forze ordine'

Remigio Civitarese
Luglio 12, 2019

Ad annunciarlo è il presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera Giuseppe Brescia in apertura della seduta. "5 Stelle si parlino fra loro" Così Matteo Salvini in diretta Facebook. In realtà, per Fico, quel "qualcuno" fa solo propaganda e dice il falso.

Il presidente della Camera, Roberto Fico, dopo aver valutato i ricorsi sugli emendamenti cassati al decreto sicurezza bis, ha riammesso tutti quelli che riguardano la Polizia di Stato e il ministero dell'Interno. La commedia si trasforma in farsa con leghisti e grillini a muso duro e il Pd a denunciare la strumentalizzazione elettorale delle forze dell'ordine. "Stupisce il rigore con cui sono stati valutati gli emendamenti rispetto a precedenti conversioni in cui la stessa presidenza ha lasciato ampio spazio all'inserimento di nuove norme", dicono esponenti della Lega, a sostegno del segretario. I leghisti non ci stanno e per tutto il giorno 'bombardano' gli alleati, ma nel mirino finisce soprattutto Fico.

"L'audizione della Ong Sea Watch nelle commissioni Giustizia e Affari costituzionali della Camera si può fare ma delimitandone l'oggetto". Si è infine augurato che all'interno del M5S non ci sia una parte che invece "tifa per l'anti polizia". Replica la presidenza della Camera: "Spiace per la confusione del titolare del Viminale riguardo al funzionamento delle Camere". La decisione sull'ammissibilita' degli emendamenti spetta infatti ai presidenti delle commissioni.

Fico su Facebook ha provato a mettere in chiaro la sua posizione: "Sono e sarò sempre a fianco delle forze dell'ordine che fanno un lavoro encomiabile per garantire diritti, convivenza civile e sicurezza nelle nostre città". E i due presidenti M5s delle commissioni rilanciano: "Dalla Lega attacchi ingiustificati". Poi è la volta del ministro grillino per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro. Il suo è un aut auto: "O ci sono questi emendamenti o vado dagli amici e dico "o passa questo testo o è un problema serio e non si va avanti". Ma la Lega per ora non cede e insiste: "Da Fico atteggiamento ostruzionistico". I lavori, che dovevano riprendere in serata, vengono rinviati a oggi alle 12. "Ed è proprio in questa logica che s'inseriscono misure sociali robuste come il reddito di cittadinanza o come il salario minimo, perché sono misure che permettono, da un lato, di affrontare con serenità i cambiamenti professionali che possono esserci nel corso della vita, e dall'altro di tutelare la dignità delle persone".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE