Lucio Battisti online, le canzoni saranno finalmente su Spotify e Apple

Brunilde Fioravanti
Luglio 13, 2019

Di tale comunicazione sono stati messi al corrente anche i famigliari di Lucio Battisti e Mogol, e la famiglia ha sempre manifestato una ferma opposizione per la distribuzione della musica del cantautore al di fuori del supporto fisico. Raggiunta al telefono dall'ANSA, Grazia Letizia Veronese, la vedova di Lucio Battisti oggi settantacinquenne conferma l'attaccamento al riserbo che ha sempre avuto.

Anni e anni spesi a cercare Lucio Battisti tra gli artisti, gli album, le playlist di Spotify: il risultato in cui si incappa - quello più fortunato - è la cover di Il tempo di morire incisa dalla band di paese, o la base di Acqua azzurra per i karaoke di Capodanno e Ferragosto.

Non è dunque sorprendente la scelta che porrebbe un grande artista dall'innato talento quale è Lucio Battisti, approdare su una piattaforma moderna di distruzione e diffusione musicale quale Spotify. Con la decisione di restituire alla Siae la gestione dei diritti on line quindi sarà davvero possibile trovare a breve su Spotify, Apple Music o Deezer, canzoni cult come Acqua Azzurra Acqua Chiara, Il mio canto libero, I Giardini di Marzo.

Un patrimonio culturale che nel frattempo, perdendosi lentamente, ha rischiato in questi anni di creare anche una frattura tra i giovani, ormai dipendenti dalla rete per quanto riguarda la musica, e Battisti, uno dei padri assoluti del cantautorato italiano; un classico di fatto negato alle nuove generazioni. Infatti la storica casa editrice musicale Acqua Azzurra (in attività dal lontano 1969) ed attualmente in liquidazione, conserva dei brani che hanno plasmato e formato la cultura pop della musica italiana: un archivio imponente, dal valore complessivo di circa 14 milioni di euro e che, ogni anno, concede degli incassi molto importanti che vanno dagli 800.000 ed i 900.000 euro di diritti. La presenza di contenziosi legali in corso (oltre alla causa con Mogol ce ne sono anche altre) allunga i tempi e rende difficile al momento che il catalogo possa finire presto nelle mani di altre societa' di publishing. "Fino a due anni fa comandava la moglie di Battisti". Come finirà "lo scopriremo solo vivendo", la citazione è banale ma calzante.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE