Fondi russi al Carroccio, Borghezio: "Savoini è un soldato della Lega"

Remigio Civitarese
Luglio 14, 2019

Un elemento che sicuramente rende nervoso Salvini e che, per intanto, lo ha costretto a scaricare Gianluca Savoini. Nel tweet Savoini esprime compiacimento per aver accompagnato Salvini durante sua visita ufficiale a Mosca. Gianluca Savoini, il faccendiere dell'associazione Lombardia-Russia che secondo quanto riportato dalle intercettazioni di BuzzFeed stava preparando l'accordo, dovrebbe essere ascoltato domani dai magistrati. Meranda ha rivelato di essere stato presente all'incontro "in qualità di general counsel di una banca d'affari anglo-tedesca". Savoini al Forum è stato sollecitato dal sig.

In conferenza stampa il ministro dell'Interno Salvini sostiene che non lo ha invitato lui così come non sa perché fosse alla riunione di Mosca nell'ottobre scorso. "Confermo di aver conosciuto il dottor Gianluca Savoini e di averne apprezzato l'assoluto disinteresse personale nei pochi incontri avuti in relazione alle trattative - spiega l'avvocato nella lettera - I restanti interlocutori all'incontro del 18 ottobre sono professionisti che a vario titolo si occupano di questa materia, esperti sia in compravendite internazionali, sia di prodotti specifici (oil products) che in quel momento erano oggetto del negoziato".

Anche la Lega scarica la figura dell'ex giornalista della Padania e leghista di lungo corso. Matteo Salvini, allora eurodeputato, era già capo della Lega quando decise di andare a Mosca insieme a un entourage ristretto per opporsi alle sanzioni che penalizzavano gli export italiani nel Paese. I pm stanno lavorando per identificare Luca e Francesco, che concorrono nella corruzione internazionale che si concretizza anche con la sola promessa di una tangente.

"Io vado in Aula a parlare di quello che succede realmente, non di supposizioni e fantasie", ha poi aggiunto. E precisava: "Non ho un ufficio al ministero ma collaboro direttamente con Matteo Salvini sulla base delle sue richieste". Insomma nuovi guai per Matteo Salvini che è stato smentito più di una volta. Il primo è indagato dalla procura di Milano nell'inchiesta avviata dopo gli audio pubblicati su BuzzFeed, riguardanti una presunta trattativa tra Carroccio ed emissari di Putin per ottenere dei fondi in vista delle scorse europee. "Salvini in Russia, come si può vedere in rete e sul profilo dell'associazione culturale Lombardia-Russia". Anche se Di Maio ha suggerito di dare una valeriana al suo alleato per calmarlo, l'impressione, tuttavia, è che egli si trovi in un cul de sac, costretto fra l'altro a combattere anche lungo le linee di un fronte interno costituito dalle "minoranze rancorose" del Movimento, come le ha chiamate.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE