Altri 80 migranti soccorsi, in 400 bloccati su navi Ong

Remigio Civitarese
Agosto 16, 2019

Uno dei bambini - si tratta della coppia di gemellini - ha infatti bisogno di cure. Sembra che ci sia una generazione di politici che mette la propria energia nel dividere le persone, come se nel dividere ci fosse del guadagno, che è una cosa idiota. Per questi migranti non sembrava vicina l'ora dello sbarco considerando che all'Ocean Viking, la nave di Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere, è stato già notificato il divieto d'ingresso nelle acque territoriali italiane, mentre Malta si è detta disponibile ad accogliere soltanto le 39 persone soccorse dalla Open Arms, ma non le altre 121 da nove giorni in mare e a cui proprio ieri ha fatto visita l'attore Richard Gere. La Open Arms, dopo 8 giorni ferma ad una trentina di miglia da Lampedusa, la scorsa notte ha ricevuto una segnalazione di Alarm Phone, il servizio telefonico che fornisce ai migranti un numero da chiamare in caso di difficoltà, per una barca in avaria nella zona Sar maltese con 39 persone a bordo.

Il Tar ha "riconosciuto la violazione delle norme di Diritto internazionale in materia di soccorso e la situazione di eccezionale gravità e urgenza dovuta alla permanenza protratta in mare dei naufraghi", ha dichiarato la Ong. In serata nove di loro, tre migranti malati e sei accompagnatori, vengono evacuati e presi in carico dalla Guardia costiera italiana per motivi medici.

I 19 membri dell'equipaggio dell'Open Arms, che naviga al largo della costa meridionale dell'isola di Lampedusa con 147 migranti che sono stati salvati da varie barche nel Mediterraneo questo mese, trovano sempre più difficile contenere le tensioni a bordo, ha aggiunto.

Intanto, rafforza il vento nel settore di mare in cui naviga la Open Arms, pertanto le previsioni fanno ritenere che il mare possa diventare mosso nelle prossime ore, con onde tali da aumentare i disagi per le persone a bordo. Una prassi che viene seguita per ogni sbarco. Resistiamo, per loro e per le nostre democrazie. Una situazione - ha spiegato - che ha "molto a che vedere con quello che sta succedendo nel mondo" dove, cita come esempio, a capo degli Stati Uniti "c'è un signore che vuole erigere un muro". "I diritti o sono di tutti o non sono di nessuno".

A intercettare l'imbarcazione di otto metri, davanti all'imboccatura del porto, è stata una motovedetta dei carabinieri che ha avvisato le squadre di terra.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE