L'inserimento di Lazaro e Biraghi nella nuova Inter: Conte fa il punto

Paola Ditto
Settembre 13, 2019

Alle 14:00 di venerdì 13 settembre Antonio Conte terrà la conferenza stampa alla vigilia di Inter-Udinese, anticipo della terza giornata di Serie A 2019/2020.

Giuseppe Bergomi, ex difensore dell'Inter, ha parlato ai microfoni di Calciomercato.it dei nerazzurri di Antonio Conte: "Detto che parliamo di calcio d'agosto, sicuramente ho visto una squadra compatta, solida, sa quello che vuole, si appoggia molto sugli attaccanti". Un giocatore così importante e con le sue stesse caratteristiche è Lautaro anche se fisicamente è molto diverso. Non è questione di misurare le nostre ambizioni, piuttosto dovremo cercare di fare del nostro meglio, pensare di partita in partita, step by step, affrontare tutto al massimo della concentrazione. L'Udinese è un'ottima squadra, dovremo fare attenzione. L'Udinese è una brutta gatta da pelare.

LAZARO - "L'infortunio non mi ha dato la possibilità di vedere Lazaro in partite di un certo livello".

"Sanchez? Alexis è un giocatore forte e che ha vinto in passato". Negli ultimi due anni gli è però successo qualcosa.

Per Bergomi è Conte il vero top player: "Non l'ho mai visto allenare, ma mi fido delle persone che me ne hanno parlato". Puoi vincere o pareggiare, ma l'entusiasmo deve dipendere dal gioco. Possibile un testa a testa con Ronaldo per il titolo di capocannoniere? Ha giocato in club importanti. Li ha sempre fatti, non vedo perché non li debba fare all'Inter. Romelu è un ragazzo umile, altruista e che pensa per prima cosa alla squadra. Mi impersonifico, entro totalmente nel club e nella storia del club e cerco di trasferire questo anche ai calciatori. C'è entusiasmo, ma va dosato, a generarlo deve essere la voglia di costruire basi importanti. L'immagine che l'Inter dà, in questo momento, è di avere chiare le idee, lo abbiamo dimostrato sul mercato tra acquisti e cessioni.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE