Spazio: due russi e un americano decollati verso l’Iss

Rodiano Bonacci
Ottobre 16, 2020

Il lancio ha segnato una pietra miliare per una navicella spaziale Soyuz con equipaggio, essendo stata la prima ad utilizzare un nuovo schema di rendez-vous "ultraveloce" con la ISS.

Per la prima volta è stata messa in atto una manovra che consentirà di raggiungere l'avamposto spaziale in solo 3 ore (invece che 6): il lancio è avvenuto alle 05:45 UTC dalla base di Baikonur e l'attracco alla ISS avverrà dopo il completamento di due orbite.

La Soyuz ha attraccato al modulo Rassvet della ISS dopo un viaggio di tre ore e tre minuti: è il primo volo con piano super veloce.

Questo rendezvous a due orbite è stato modellato per un bel po' di tempo.

Due cosmonauti ed un astronauta della NASA sono partiti mercoledì per un rapido viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale, nel primo lancio di questo tipo a bordo di una capsula della Russia, dal momento del rivoluzionario volo con equipaggio di SpaceX dal suolo americano.

Il trio decollato oggi raggiungerà nelle prossime ore i cosmonauti che già dall'aprile scorso sono ospitati sulla Stazione Spaziale: i russi Anatoly Ivanishin e Ivan Vagner e l'astronauta della Nasa Chris Cassidy. I sei membri dell'equipaggio presteranno servizio insieme per sette giorni prima che Cassidy, Ivanishin e Vagner tornino sulla Terra sulla Soyuz MS-16, lasciando Rubins, Ryzhikov e Kud-Sverchkov per iniziare la Spedizione 64.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE