Terapia intensiva, in Emilia Romagna allestiti 634 letti sui 641 previsti

Modesto Morganelli
Ottobre 18, 2020

Della dotazione aggiuntiva da istituire per il Covid 19 (per la quale il Commissario Arcuri ha nominato soggetto attuatore il Presidente della Regione solo la scorsa settimana), ne risultano formalmente attivati 7 (ma in realtà ad oggi ne sono stati attivati ulteriori, modulabili secondo le esigenze). I contagiati sotto osservazione in isolamento domiciliare sono 109.613, + 9.117 in un giorno (100.496). I casi dall'inizio della pandemia, compresi decessi e guariti, arrivano a 381.602. Il più giovane ha 29 anni e il più vecchio 82.

In ospedale sono entrate altre 4 persone con sintomi Covid portando il totale a 94.

Con i suoi 634 posti letto di terapia intensiva già allestiti, e quindi subito attivabili in caso di bisogno - si tratta dell'ultimo dato disponibile, aggiornato a questa mattina -, e i rimanenti in fase di realizzazione, il traguardo da raggiungere per l'Emilia-Romagna è ormai vicinissimo: 641, definito dal dicastero sulla base del rapporto tra numero di cittadini e posti letto (14 posti ogni 100mila abitanti). Nella giornata di venerdì 16 ottobre, il ministero della Salute nel suo bollettino odierno ha confermato il numero di 10.010 i nuovi casi di covid-19.

Novanta del 1.140 tamponi esaminati nelle ultime 24 ore in Basilicata sono positivi al Covid-19: lo ha reso noto la Task force regionale, aggiungendo che "i lucani attualmente positivi sono 536".

"Dobbiamo considerare che le attuali dotazioni di terapia intensiva (e il relativo personale) devono essere sufficienti per i pazienti Covid ma anche per quelli non Covid". I tamponi diagnostici finora processati sono 849.485 (+11.066 rispetto a ieri), di cui 455.553 risultati negativi.

Come era stato anticipato giovedì dalla conferenza stampa in Regione, con l'aumento dei contagi da coronavirus crescono i ricoveri in ospedale e anche in terapia intensiva.

3 in più si trovano in terapia intensiva per complessivi 15 pazienti.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE