Like dall'account Instagram di Papa Francesco ad una modella, inchiesta del Vaticano

Remigio Civitarese
Novembre 21, 2020

Il Vaticano ha annunciato che sta indagando sul "like" partito dall'account ufficiale Instagram di Papa Francesco e apposto sulla foto di una modella brasiliana, Natalia Garibotto, seminuda.

Naturalmente nessuno ha mai davvero creduto che a palesare il suo apprezzamento per l'immagine sia stato il Pontefice in persona.

Non è chiaro quando la foto abbia ricevuto l'approvazione dall'account verificato del Papa, ma il "mi piace" era ancora visibile il 13 novembre, prima di essere eliminato il giorno successivo.

"Possiamo escludere che il "mi piace" sia arrivato dalla Santa Sede, e ci siamo rivolti a Instagram per avere delle spiegazioni", ha dichiarato infatti un portavoce ufficiale al quotidiano britannico, implicitamente rifacendosi a una delle scuse più gettonate in caso di imbarazzo digitale: l'attacco di misteriosi hacker o il disguido tecnico.

Come ha riferito il Dicastero per la comunicazione, sebbene Papa Francesco approvi i contenuti del suo account Instagram, non è direttamente lui a pubblicarli in rete.

Su Instagram il Papa conta 7,4 milioni di follower. L'agenzia della modella, la COY Co, ha sfruttato quanto accaduto per farsi pubblicità. Sin da subito si era pensato alla svista di uno sbadato social media manager, forse dimenticatosi di effettuare lo switch con il proprio account personale al termine del turno di lavoro. Anche la Garibotto, che ha 2,4 milioni di follower su Instagram, ha scherzato: "Almeno andrò in paradiso".

Il Papa non è come Donald Trump, non sta seduto a twittare tutto il giorno usando il telefono o il computer - spiega Mickens.

Citando fonti vicine all'ufficio stampa del Vaticano, CNA - l'agenzia di stampa cattolica - ha fatto sapere che è in corso un'indagine per capire da dove possa essere partito il famigerato "like".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE