Standing ovation per Draghi: le parole del primo discorso al paese VIDEO

Cornelia Mascio
Febbraio 17, 2021

Mario Draghi, nel discorso al Senato per la fiducia, si sofferma sull'emergenza coronavirus, sui numeri che hanno messo in ginocchio il Paese, su un Sistema sanitario in sofferenza e sulla nuova rotta da tracciare per ripartire. Mi sia consentito di non essere d'accordo. Fra le pratiche registra intanto passi avanti la composizione della squadra: dopo la scelta di Antonio Funiciello, 45 anni, come capo di gabinetto, questa mattina è stata ufficializzata la nomina a consigliere diplomatico dell'ambasciatore Luigi Mattiolo, che sarà anche rappresentante personale/sherpa per i vertici G7 e G20. Zulian che non conosco, sul vezzo di alcuni cosiddetti "esperti" di auto accreditarsi, a suon di titoli vari, lasciando in qualche modo intendere che solo chi è competente ed "ha studiato la materia" possa e debba esprimere opinioni ed analisi. Draghi inoltre chiarisce che il suo governo "non nasce dal fallimento della politica".

La pandemia da Covid 19, con le varianti che preoccupano, il lavoro, la ripresa economica, l'ambiente. In particolare, su quella che alcuni non hanno paura a definire come "La Trappola dei Debiti Sovrani " e i suoi meccanismi distorsivi, mi limito a suggerire la lettura di un agile ed illuminante libretto: "Dacci oggi il nostro debito quotidiano" di Marco Bersani, editore DeriveApprodi. Vi è poi una questione strettamente economica. Non sarà facile visto la nostra grassa, costosissima e dannosa burocrazia, ma lui ci proverà, facendo lavorare i suoi fedelissimi, perché non potrà perdere la faccia davanti all'Europa. Dunque occorre proteggere il lavoro e il tessuto produttivo, ma non con elargizioni a pioggia. Che impone un po' di pietas verso i più deboli, ma solo per giustificare alla propria coscienza l'idea di un mondo che attraverso la spersonalizzazione abbandona indietro tutti gli altri.

La diretta video è disponibile anche in streaming live sul sito del Senato, oltre che, ovviamente, sulle all news come Rai News e Sky Tg24. Ma è un dovere guidato da ciò che son certo ci unisce tutti: "l'amore per l'Italia". Oggi, la priorità segnalata dal presidente del Consiglio è una revisione profonda dell'Irpef, "preservando la progressività e riducendo il carico fiscale", insieme a un "rinnovato impegno nell'azione di contrasto all'evasione fiscale".

"Non solo dobbiamo tornare rapidamente a un orario scolastico normale, anche distribuendolo su diverse fasce orarie, ma dobbiamo fare il possibile, con le modalità più adatte, per recuperare le ore di didattica in presenza perse lo scorso anno, soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno in cui la didattica a distanza ha incontrato maggiori difficoltà". E per ora non si lascia scoraggiare, intento a frenare le intemperanze della sua composita maggioranza con il discorso che pronuncerà domani a Palazzo Madama, alle ore 10 e giovedì alla Camera (dove comunque le dichiarazioni programmatiche saranno consegnate sempre domani). Poi precisa che il suo governo non ha bisogno di aggettivi: "Riassume la volontà, la consapevolezza, il senso responsabilità che lo sostengono". Ma non rinuncerà a modifiche, a "rafforzare" l'impianto anche alla luce degli indirizzi del Parlamento.

Come si procederà nella "transizione ecologica" avendo al governo anche chi sostiene la necessità di opere come il ponte sullo stretto o altre di notevole impatto ambientale? Parte integrante del Piano sarà una serie di riforme che riguarderanno anche la giustizia e la Pubblica amministrazione.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE