Ticinonline - Cristiano Ronaldo, riaperto il caso del 2009

Brunilde Fioravanti
Ottobre 2, 2018

La donna in questione, quella che ha fatto finire Ronaldo al centro dello scandalo, è l'americana Kathryn Mayorga.

Esce allo scoperto per la prima volta la donna che accusa di un presunto stupro Cristiano Ronaldo, la stella della Juventus. Ma all'epoca dei fatti (la denuncia risale al giugno del 2009 quando Ronaldo era in procinto di passare dal Manchester United al Real Madrid, ndr) aveva 25 anni e aspirava a fare la modella.

Secondo quanto raccontato oggi dalla stessa, qualche mese dopo l'accaduto, nel gennaio 2010, Cristiano Ronaldo le avrebbe pagato la cifra di 375.000 dollari con un accordo di non divulgazione.

"Improvvisamente mi è stato addosso", racconta al quotidiano.

Kathryn Mayorga ha rilasciato un intervista al magazine tedesco Der Spiegel nel quale afferma di aver incontrato Cr7 a Las Vegas dove pare che il calciatore portoghese si trovasse li in vacanza con il cognato e il cugino. Nonostante l'accordo, riporta sempre Der Spiegel, il legale della donna avrebbe ora presentato una denuncia in Nevada. "Fake news", ha commentato nel corso di una diretta Instagram dopo la gara Juventus-Napoli. Ma l'avvocato di Kathryn Mayorga ritiene di avere un asso nella manica: In una e-mail inviata al suo legale, CR7dichiara che la ragazza non urlò per chiedere aiuto, ma disse "No" più volte al momento della violenza, quindi avrebbe negato senza ombra di dubbio il suo consenso al rapporto sessuale.

"È parte del mio lavoro".

L'avvocato del fuoriclasse portoghese, Christian Schertz, attraverso un comunicato aveva attaccato il Der Spiegel per un "reportage palesemente illegale" denunciando "l'inammissibile intrusione nella privacy di Cristiano" con la vicenda che avrà nuovi strascichi ovviamente in tribunale. Poi il messaggio finale: "Sono un uomo felice e va tutto bene".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE