Inter, Conte: "Sfogo? No, critica costruttiva. Coi dirigenti tutto ok"

Paola Ditto
Novembre 8, 2019

Queste le prime parole del tecnico: "Verona?" Bisognerà affrontarla con attenzione, sapendo che è una squadra in salute che corre e pressa. Dovremo essere molto preparati per questa situazione. Proprio per questo dovremo essere bravi a ovviare a questo tipo di situazioni.

SFOGO - "io non lo vedo come sfogo, voi lo vedete cosi".

"Sono tutte situazioni che ci devono far fare delle riflessioni, in maniera sempre costruttiva. Devo essere molto onesto e dire che la sconfitta a Dortmund ha cambiato le percentuali di passare, che oggi sono molto esigue, ma sappiamo anche che l'unica strada che possiamo percorrere è iniziare a vincere noi e sperare in qualche altro risultato". Sono stato chiamato per cambiare i giri del motore dell'Inter degli ultimi 9 anni. Vero, ha ragione, ma nel primo anno post settlement agreement - quello dove puoi fare "qualcosa" ma non "tutto" - l' ex ct non può non accorgersi che lo sforzo più grande per accorciare le distanze con i rivali più forti, il club lo ha fatto investendo sull' allenatore più bravo e caro che c' è: lui.

E' preoccupato per la situazione infortuni? Spalletti ha fatto un grandissimo lavoro, per quelle che sono le difficoltà che ho trovato qui. C'è un po' di preoccupazione nel vedere questo gruppo che si assottiglia. Stanno davvero dando l'anima, facendo il massimo e secondo me ci sono ancora dei grandissimi margini di miglioramento. Diventa difficile se questo non può essere fatto, non posso snaturarmi, chiedo sempre tantissimo e cerco l'eccellenza. Si possono fare in futuro cose importanti, pur con l'intenzione già adesso di alzare ulteriormente l'asticella.

Visto che anche Gagliardini è infortunato, con ogni probabilità Conte si affiderà all'uruguaiano Vecino, a segno martedì contro il Borussia Dortmund.

"Idee alternative in questo momento sono quelle di portare un ragazzo della Primavera in rosa tra Vergani e Fonseca". Non ci sono molte alternative. Io comunque ho grande fiducia in Lukaku, in Lautaro ma ne ho anche per Esposito. Non avrei timore alcuno a farlo partire dal 1'. D'Ambrosio si sta allenando con noi da una settimana, avverte un pò di fastidio, la calcificazione non arriva da oggi a domani. Parliamo di un giocatore di incredibile generosità.

"Non posso darti torto, sono situazioni che si sono in effetti verificate". Abbiamo incassato un pò più di gol rispetto alla media, c'è da lavorare, cercare di tornare a gioire anche per uno zero in fatto di reti subite. Attacchiamo in 11 e dobbiamo difendere in 11.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE