Mps, condannati gli ex vertici Mussari e Vigni

Cornelia Mascio
Novembre 9, 2019

Nuove condanne per uno dei capi di imputazione per il caso Monte dei Paschi di Siena.

Condannato a 5 anni e 3 mesi anche Daniele Pirondini, ex direttore finanziario di Rocca Salimbeni, sede centrale del Monte dei Paschi.

Nessuna attenuante per l'ex presidente di Mps Giuseppe Mussari. Alla sentenza è seguito il commento di Giuseppe Iannaccone, legale di Deutsche Bank, che ha dichiarato: "Prendo atto della sentenza emessa in data odierna, pur con il doveroso e massimo rispetto che si deve avere per l'Autorità giudiziaria, non posso, tuttavia, nascondere lo stupore per questo pronunciamento, alla luce di quello che è stato l'esito dell'istruttoria dibattimentale". Per Deutsche Bank, sono stati condannati a 4 anni e otto mesi Ivor Scott Dunbar, coinvolto nelle vesti di managing director - co-head of Global capital markets della filiale di Londra, Michele Faissola, imputato in qualita' di managing director - head of Global rates, e Michele Foresti, in qualita' di managing director - head of Structured trading.

Gli altri imputati condannati sono sei tra manager ed ex manager di Deutsche Bank e due di Nomura.

Le motivazioni saranno rese note tra 90 giorni. Per Deutsche Bank Ag e Deutsche Bank Ag London Branch i giudici hanno emesso anche una sanzione pecuniaria da 3 milioni di euro, mentre per Nomura da 3,4 milioni di euro. Ma alla fine il tribunale della seconda sezione penale di Milano ha optato per una linea un po' più morbida anche se alla fine le decisioni sono stati molto pensanti.

A vario titolo, per gli imputati condannati, sono stati contestati i reati di manipolazione del mercato, falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo agli organi di vigilanza, quest'ultimo in parte prescritto. "Avevamo espresso una serie di pregnanti considerazioni in fatto e in diritto che evidentemente non sono state minimamente prese in considerazione", ha detto l'avvocato Armando Simbari, difensore dell'ex direttore finanziario di Mps, Daniele Pirondini. Per un totale, dunque, di circa 152 milioni di euro. Il verdetto è: tutti condannati. "Siamo convinti dell'innocenza del dottor Vigni e faremo di tutto per dimostrarlo nei prossimi gradi di giudizio", è invece quel che si è limitato a dire Carla Iavarone che con il collega Francesco Centonze difende l'ex dg di Mps.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE