Facchinetti e D'Orazio, inedito insieme per Bergamo

Brunilde Fioravanti
Marzo 26, 2020

I proventi, hanno già annunciato gli autori, saranno interamente devoluti all'ospedale Papa Giovanni XXIII.

"L'idea - spiega Robi - mi è venuta dopo aver visto in televisione le immagini dei camion dell'esercito che trasportavano le salme dei miei concittadini lontane dalla loro città".

"Attorno a me c'è un gruppo di voci bergamasche riunite da Daniele Vavassori, il Vava e dal chitarrista dei Modà Diego Arrigoni". Ho chiamato Stefano chiedendogli di affiancarmi nel progetto e affidando a lui il testo, che esprime perfettamente quello che ho provato, un matrimonio perfetto tra musica e parole. Penso ai medici, agli infermieri e a tutto il personale ospedaliero, gli eroi dei nostri giorni. Il messaggio non riporta altro e per ora Francesco si è chiuso nel silenzio e nel dolore più che comprensibile di un momento del genere, ma si presuppone e si ipotizza che questo amico di Facchinetti sia stato colpito da Coronavirus. Da poco il figlio di Roby Facchinetti, frontman della storica band dei Pooh ha infatti pubblicato su Facebook un messaggio straziante e che non fa presagire niente di buono. Una canzone nata a sostegno dell'emergenza da coronavirus, in particolar modo per la città di Bergamo gravemente colpita dal Covid-19.

"Rinascerò, rinascerai" vuole essere la testimonianza che anche noi possiamo fare la nostra piccola parte. "Un inno al futuro di una città ferita ma che, quando tutto sarà finito, tornerà a vedere le stelle".

Il video del pezzo mostra immagini di Bergamo, dei volti di coloro che hanno partecipato al progetto, del personale ospedaliero, medico e infermieristico della città, dell'allenatore e dei giocatori dell'Atalanta.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE