Cristina D’Avena "scartata" da Musica che unisce/ Scoppia la polemica sui social

Brunilde Fioravanti
Aprile 3, 2020

Cristina D'Avena, dopo aver seguito in tv Musica che unisce, si sfoga sui social ed esprime tutta la sua delusione per non essere stata invitata a partecipare a questo evento di beneficienza. La cantante ha detto di non essere stata contattata dall'organizzazione dell'evento e di esserci rimasta male. La serata hanno partecipato numerosi cantanti tra i quali Andrea Bocelli, Diodato, Francesco Gabbani, Gigi D'Alessio, Levante, Mahmood, Marco Mengoni, Negramaro, Tiziano Ferro e tanto altri. Tutti hanno dato il proprio contributo per aiutare nella raccolta fondi destinata alla Protezione Civile. Un gesto importantissimo in un momento di crisi molto profonda legato al Coronavirus.

Cristina D'Avena non è però l'unica artista di rilievo esclusa dal programma che, ponendosi l'obiettivo di "unire" il pubblico da casa sotto il segno delle donazioni alla Protezione Civile, avrebbe forse dovuto unire qualche artista in più e non le solite Emma Marrone ed Alessandra Amoroso trite e ritrite, come gli immotivati Francesca Michielin e Tommaso Paradiso di turno, attaccati ovunque in corsa con Photoshop.

Le parole di Cristina D'Avena sui social hanno trovato il consenso di tantissimi utenti che l'hanno inondata di like e di commenti positivi. Uno spettacolo nuovo, singolare e molto significativo, al quale Cristina D'Avena non ha partecipato, cosa che invece a quanto pare le avrebbe fatto molto piacere: ecco le parole della cantante. Ma cos'ha scritto la cantante?

La cantante infatti ha confessato che "in questo momento così delicato avrebbe fatto piacere anche a me partecipare all'iniziativa insieme ai miei colleghi. Sarebbe stato un ottimo modo per dare, nel mio piccolo, un contributo attraverso la mia musica che unisce da sempre "i bambini di tutte le età", aprendo i cuori e cercando di distogliere i pensieri da questa situazione così difficile". Un'occasione persa, non vi sono dubbi.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE