Elodie VS Lega, la polemica continua

Brunilde Fioravanti
Agosto 16, 2020

Contro di lei sono stati scritti molto pesanti, spesso a sfondo sessuale o volti a rimarcare le sue origini per metà straniere. "Quando hai un ruolo politico, hai un megafono". Offende gratuitamente scatenando odio.

"Non mi piace come la Lega accalappia voti".

Naturalmente con le sue affermazioni Elodie aveva sottinteso che Matteo Salvini e il partito da lui rappresentato non sia da considerare un degno punto di riferimento per le nuove generazioni, dal momento che utilizza l'odio come strumento di propaganda politica. "Certo, c'è tanta ignoranza e sarebbe bello che chi ci governa la diminuisse, anziché far leva su quello", ha dichiarato la cantante voce di uno dei tormentoni dell'estate 2020 (Ciclone).

Aveva già scatenato diverse polemiche l'intervista di Elodie al Corriere della Sera nella quale la cantante aveva preso una posizione decisamente anti Lega.

Non è la prima cantante ad essere finita nel mirino della Lega. Eccone alcuni esempi: "Si sta allenando con il microfono a rapporti orali continuativi e intensi", "Ma fatti scopare da un branco di neg*i", "Chi caz*o sei troia", "Bella brava ma putta*a", "È un'extracomunitaria, non merita i stare a casa nostra!" E la Lega, sui suoi canali social, non ha perso occasione per darla in pasto ai "legaioli" come qualcuno li ha definiti.

Il mondo leghista continua ad attaccare duramente la cantante romana, scadendo in commenti sessisti e razzisti, che la cantante ha deciso di pubblicare senza censura sul suo profilo Twitter. Elodie ha fatto un bel collage di questo campionario di insulti beceri e li ha pubblicati su Twitter accompagnati dalla didascalia: "E noi donne vi mettiamo pure al mondo". Tantissimi coloro che hanno sostenuto Elodie nelle sue riflessioni, molti altri quelli che si sono schierati contro di lei, insultandola pesantemente.

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE