Fosfina gassosa tra le nubi di Venere: un possibile segno di vita

Rodiano Bonacci
Settembre 15, 2020

La fosfina è una molecola tossica con un odore persistente di aglio e pesce morto.

La scoperta potrebbe indicare la presenza di vita sul pianeta, visto che sulla Terra la produzione di fosfina è strettamente legata ai processi biologici. Il tipo di gas che è stato trovato infatti potrebbe essere un gas di scarto dei microorganismi. "Sono necessarie ulteriori osservazioni e modelli per esplorare l'origine della fosfina nell'atmosfera di Venere".

Secondo gli autori dello studio, la fosfina, molecola composta da un atomo di fosforo e tre di idrogeno, si trova nelle nubi di Venere a bassa concentrazione: solo una ventina di molecole per ogni miliardo. Nessuno di questi fenomeni, però, sottolineano gli esperti, è al momento in grado di produrre abbastanza fosfina.

Gli autori hanno, infatti, calcolato che queste sorgenti non biologiche producono al massimo un decimillesimo della quantità di fosfina vista dai telescopi.

La fosfina è un composto interessante in quanto sulla Terra viene prodotta da diverse forme di vita in particolare in ambienti poveri di ossigeno.

Queste nuove scoperte rinforzano le teorie, che fino a pochissimi anni fa apparivano fantascientifiche e stranissime, relative alla possibilità che la vita possa attualmente esistere su Venere, magari proprio nella sua spessa atmosfera, sostanzialmente galleggiando nell'aria. "È un po' un campanello d'allarme - conclude - che può suggerire la presenza di qualche forma di vita nell'atmosfera venusiana, dove la temperatura è sensibilmente minore rispetto al suolo".

Altre relazioniGrafFiotech

Discuti questo articolo

Segui i nostri GIORNALE